CAMERATI: CHE STRANO MONDO

Anche se noi fascisti veniamo etichettati come un branco di esseri rasati con anfibi dal saluto romano e dal cazzotto facile, il mondo dei camerati, è variopinto e distinto sia per correnti di pensiero, sia per estetica. oggi però voglio parlare di una corrente che in se, è quella più diffusa: Gli almirantiani. Non voglio certo sindacare sulla figura di Giorgio Almirante, che vuoi o non vuoi è stato un grande personaggio, con un’oratoria eccezionale difficilmente eguagliabile ed oltre questo è stato un personaggio di spessore, degno di guadagnarsi il proprio posto nella storia. Il punto però sono proprio i suoi seguaci, che ad oggi sognano a mio vedere il ritorno di un cadavere in fase di decomposizione e le recenti elezioni comunali a Palermo, l’hanno dimostrato. Dico i “Seguaci”, proprio perchè se si arriva a parlare di fascismo e si chiede loro come la pensano, rispondono con frasi del tipo: “Il mio modello di fascismo è Giorgio Almirante”. E se chiedi loro di Mussolini, a momenti lo disprezzano. Per non tralasciare il fatto che vedono nel MSI l’unica possibile fede politica. Che poi la mentalità missina abbia distrutto un’ambiente, perchè faceva terra bruciata attorno a tutto ciò che non faceva parte del partito, arrogandosi il diritto di concedere patenti di fascista(Mentalità che si è protratta fino ad oggi), quello è un altro discorso. E’ indubbio però che Il Movimento Sociale, in determinati anni, è stato il punto d’inizio di tante generazioni di camerati e che va guardato in tutte le sue sfaccettature e contestualizzato. Ma l’immagine almirantiana a mio vedere, è un’immagine che va bene solo per chi ha vissuto meglio il periodo, in quanto ai giorni nostri la mentalità missina, ha solo portato il nostro ambiente al disfacimento. Certo…sarebbero tante le cose da dire, da parte di tutti gli ambienti e da storico comunque, ho imparato ad essere un buon analizzatore. Concludo dicendo in ogni caso che ogni camerata è un fratello, indipendentemente dal simbolo e determinate osservazioni dall’alto in basso che si a volta, più che a volte, dovrebbero essere rimosse e che un esempio peril nostro mondo, dovrebbe essere l’iniziativa “Unite the Right”.

Vittorio Emanuele Miranda