La Spagna si solleva contro la secessione

di Santiago Abascal

La mobilitazione massiccia di Madrid non aveva il sostegno di alcuno dei partiti politici con rappresentanza parlamentare – piuttosto del loro disprezzo e dei loro passi avanti – e pochissimi media ne hanno dato notizia, ma la piazza di Cibeles a Madrid si è riempita traboccante di una moltitudine di persone.
Questo sabato migliaia di spagnoli si sono concentrati di fronte al municipio della nostra città con le bandiere della Spagna. La chiamata, Invocata dalla Fondazione per la Difesa della Nazione Spagnola, è stata recepita da decine di organizzazioni della società civile in cui si è manifestato il più forte appello patriottico degli ultimi anni.

Anche se la mobilitazione non ha avuto l’appoggio di una delle parti politiche con rappresentanza parlamentare – anzi veniva rappresentata con disprezzo e mettendo i bastoni fra le ruote- e pochissimi media hanno fatto eco (tranne i gruppo media Intereconomía e gruppo Digital Freedom come onorevole eccezione), la piazza Cibeles era traboccante di una folla di persone. Ci sono state anche partecipazioni massicce in città come Seviglia, Valencia, Las Palmas o Cadice. E, naturalmente, a Barcellona, ​​dove migliaia di catalani si sono riuniti in mattinata in Plaza de Sant Jaume, in una manifestazione convocata dalla Fondazione DENAES e molti hanno fatto un corteo nel pomeriggio per la Via Laietana in un altra manifestazione organizzata da associazioni della società civile catalana. Ma non solo in quei luoghi.

Possiamo senza dubbio dire che le concentrazioni del 30-S, ieri, erano più rilevanti di quelle di 15-M. Ma a differenza di quanto accaduto il 15-M, dove il campo di vista era stato ingrandito dai media, in questa occasione i media hanno cercato di ignorarli.
Ma la dimensione della risposta è stata tale da non poter essere in grado di fingerla irrilevante. Così i media di sinistra, compreso il traditore Roures, la stampa sovvenzionata e i lacchè dei media di Soraya, hanno cercato di screditare le mobilitazioni mettendo in primo piano sulle foto di prima pagina i manifestanti con il braccio alzato (alcune con cappotti invernali) o mostrare con l’aquila di San Juan. Manipolazioni grezze, come quelle della La Vanguardia, il proprietario della edizione online allude alla manifestazione di Madrid quando avevano cantato il “Cara al sol” e avevano fatto il saluto fascista, mentre il vero racconto della storia ha riconosciuto che quelli che così si comportavano erano solo venti dei 10.000 cittadini che hanno dimostrato due ore dopo il completamento della concentrazione.

Plaza de Cibeles Madrid

E per quanto i partiti e i media dell’ establishment hanno voluto nascondere e falsificare, la verità finisce per brillare come alla luce del sole. E la verità è che la manifestazione di ieri non ha fatto nulla di più se far ondeggiare la bandiera di tutti nel rituale, sostenere la Guardia Civil e il lancio di applausi alla Polizia Nazionale di Catalogna e di Spagna, e la richiesta del rispetto della legalità costituzionale.

Le dimostrazioni di ieri hanno anche mostrato il supporto per i milioni di cittadini fedeli che vivono in Catalogna e che devono sopportare ogni giorno le azioni di un governo regionale che ha rotto l’ordine costituzionale e li incoraggia ad essere vessati da organizzazioni separatiste, Omnium Cultural e ANC, convertiti in autentiche milizie del regime separatista totalitario.

Abbiamo anche approfittato della riunione per chiedere che il governo della Nazione agisca in Catalogna per ripristinare l’ordine costituzionale, perseguire contro gli organizzatori del colpo di stato e garantire i diritti civili dei catalani. E mostriamo la nostra sorpresa perché, nonostante tutto ciò che è già accaduto, Maríano Rajoy non è stato in grado di applicare l’art.155 della Costituzione spagnola e di prendere le redini del potere in Catalogna.

Tra l’altro, il Partito Popolare non solo non ha incoraggiato la partecipazione a questa iniziativa della società civile, -così come Ciudadanos – ma dalla sua direzione nazionale, dai quadri locali sono state date istruzioni precise per scoraggiare a partecipare a tale manifestazione patriottica.. Loro sapranno perché lo hanno fatto. Senza dubbio il loro elettorato merita una spiegazione. Tra l’altro perché insieme a noi, erano presenti molti degli elettori del PP, di Ciudadanos e sono sicuro anche molti elettori socialisti, anche loro con noi.
Ogni volta che vedo più bandiere sui balconi delle strade spagnole, vedo sempre più segni di patriottismo tra i cittadini comuni. I miei amici a Barcellona mi dicono che durante il giorno ieri hanno cominciato a vedere bandiere sulle facciate della città. Che il muro di silenzio imposto dalla mafia separatista inizia a rompersi.

La Spagna si solleva contro la secessione

Non è la prima volta che la nostra nazione vive un momento complicato. Il 2 maggio del 1808, la corona spagnola era stata data a Bonaparte da un re di fellone. Non c’era allora Rajoy a governare , ma Godoy. Come nei nostri giorni, le istituzioni di quel tempo, formate dai nobili e dall’alto comando dell’esercito, accettarono le dimissioni e non riuscirono ad affrontare faccia a faccia all’invasore.
Furono allora le città spagnole, spinte da due giovani ufficiali di artiglieria, Daoiz e Velarde, che si ribellarono contro l’invasore e risvegliarono la Nazione. Allora i combattenti spagnoli, molti dei quali catalani, furono in grado di sconfiggere l’esercito più potente del tempo e recuperare l’indipendenza del nostro paese. Ora non abbiamo affrontato il Napoleone imbattuto, ma un disonesto personaggio fastidioso come il secessionista Puigdemont. La sconfitta non è un’opzione.

Manifestazioni nazionaliste in Spagna contro i secessionisti

Oggi, il primo di ottobre, sarà una giornata molto complicata. Lo vivrò da Barcellona. Non possiamo sapere cosa succederà. L’unica cosa che sembra certa è che ci saranno disordini pubblici. Né sappiamo cosa accadrà nei prossimi giorni. Sembra che i separatisti siano pronti a raggiungere il loro obiettivo ed alla fine fare di dichiarazione unilaterale di secessione . Ed è assolutamente imprevedibile sapere cosa farà il presidente del governo.
Senza dubbio, i tempi difficili stanno arrivando. Ma dobbiamo avere speranza e fiducia che ci sarà un futuro migliore davanti a noi.
Ma noi dobbiamo combattere per quel futuro. Sono convinto che nei prossimi giorni ci ritroveremo di nuovo per le strade. Perché la nazione spagnola, che dormiva una letargo profonda, si è risvegliata. La Spagna è aumentata nella consapevolezza di molti. La Spagna si è sollevata in piedi. E nessuno ci può più fermare. Perché saremo fedeli al giuramento che abbiamo dato al nostro paese.

Fonte: https://www.controinformazione.info/la-spagna-si-solleva-contro-la-secessione/

Fonte: https: //gaceta.es/espana/30-s-espana-se-levanta-santiago-abascal-20171001-0909/