L’agonia dei pazzi putinisti: la polizia blocca alcuni dei partecipanti alla Conferenza dei nazionalisti russi

da Comitato “Nazione e Libertà”

Oggi, 1 maggio, giornata nazionale del lavoro si é svolta una conferenza dei nazionalisti russi sul tema “Stato sociale e nazionale”. Cosa vogliono i nazionalisti dopo le dimissioni di Putin? “. La conferenza ha presentato la posizione dei suoi collaboratori politici del Comitato “Nazione e Libertà” (CND), il Black Bloc, Movimento Identitario, Associazione la Resistenza Popolare (ANS) e Avanguardia National Rivoluzionaria.

Verso la fine della terza ora di conferenza, i rappresentanti delle forze dell’ordine si sono presentati nella sala. Attualmente, i leader delle organizzazioni nazionaliste di Mosca, tra cui Vladimir Ratnikova (Black Power), Georgi Shishkov (CND), bloccati dalle forze di sicurezza sul tetto dell’edificio con più di 5 collaboratori.

Almeno 7 partecipanti alla conferenza, tra cui Dmitry Karasev dell’ANS, sono stati portati al dipartimento di polizia del distretto di Timiryazevsky. La Polizia non spiega cosa vuole, su quali basi i nostri compagni sono detenuti e quando verranno rilasciati. Precedentemente all’inizio della conferenza, Quando tre persone dell’ANS sono andate alla conferenza, tre persone sono state arrestate dalla polizia senza alcun motivo. In entrambi i casi, queste azioni sono completamente illegali. Il Comitato “Nazione e Libertà” nel prossimo futuro invierà dichiarazioni all’ufficio del procuratore generale e al servizio di sicurezza interna del Ministero degli affari interni. Sul fatto di eccesso di poteri ufficiali e privazione illegale della libertà dei cittadini. Esiste un esame dei titoli e dei cognomi delle persone coinvolte nella detenzione e della pressione sui nostri compagni d’armi. Basta infrangere la legge! Uno per tutti, tutti per uno, insieme per uno stato libero e legale!